Ultima modifica: 18 Dicembre 2020
Istituto di Istruzione Superiore Forlimpopoli > PTOF IPSSEOA – LA NOSTRA STORIA

PTOF IPSSEOA – LA NOSTRA STORIA

L’Istituto Professionale Alberghiero è intitolato a Pellegrino Artusi (1820-1911), noto gastronomo forlimpopolese di nascita e fiorentino d’adozione, il cui merito è stato quello di contribuire, negli ultimi decenni dell’Ottocento, all’unificazione gastronomica ancorché linguistica del neonato Regno d’Italia.
Nato come succursale dell’Istituto Alberghiero di Rimini nel 1989, è divenuto autonomo nel 1995, aumentando di anno in anno le iscrizioni fino a contare ad oggi più di mille studenti.
All’anno scolastico 1995-’96 risale l’istituzione di un polo scolastico superiore intitolato a Pellegrino Artusi che comprende l’Istituto Professionale di stato “servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera” (IPSSEOA), anch’esso intitolato a Pellegrino Artusi, e il Liceo delle scienze umane, intitolato a Valfredo Carducci.

Dall’A.S. 2003/2004 è attivo il corso serale per adulti che offre, sia a coloro che già operano nel settore turistico-ristorativo, sia a coloro che intendono inserirvisi, la possibilità di ottenere un diploma beneficiando di eventuali crediti formativi già acquisiti nelle precedenti esperienze di studio e di lavoro. Solo per l’anno scolastico 2016-17 gli alunni iscritti alla terza del corso IeFP potranno acquisire un certificato di qualifica professionale.

L’Istituto si trova a Forlimpopoli, cuore della Romagna, a 40 chilometri da Rimini, a 70 da Bologna e a 30 da Ravenna, una posizione strategica tra il mare Adriatico e l’Appennino centrale dell’area romagnola.

Il turismo é uno dei settori portanti nell’economia della nostra regione e molte sono le attività ad esso collegate. Si tratta di uno dei pochi ambiti per i quali nel prossimo futuro si prevede un aumento occupazionale. Il turismo balneare della riviera romagnola, quello termale (Castrocaro , Fratta Terme, Bagno di Romagna) continueranno a richiedere un’ampia e diversificata ricettività alberghiera; lo stesso può dirsi per le nuove forme di turismo enogastronomico che mirano alla salvaguardia e al rilancio delle tradizioni culinarie regionali.